COSA VEDERE A L’AQUILA DOPO IL SISMA: LA CITTA’ E’ TORNATA A VIVERE? - La Viaggiatrice Solitaria
Blog

COSA VEDERE A L’AQUILA DOPO IL SISMA: LA CITTA’ E’ TORNATA A VIVERE?

Informazioni non solo su cosa vedere a L’Aquila dopo il sisma, ma come arrivare, cosa e dove mangiare in città, consigli per i dintorni.

Sono passati ormai 12 anni da questa grande tragedia che ha colpito la mia regione. Io non sono aquilana, abito sulla costa, ma fatalità ha voluto che fossi proprio con delle ragazze del posto quando ci fu il terremoto.  Ricordo ancora i pianti e le urla in piena notte, quando qualcuna che per caso era sveglia passò il telegiornale e vide la notizia. E ricordo pure la loro difficoltà nel raggiungere i propri cari. Metà delle case erano crollate, tante macerie. Le linee telefoniche non funzionavano del tutto. Persone date per disperse per giorni.

Questa storia mi ha toccata dal vivo e ogni anno, quando ritorna la data del 6 Aprile, mi salgono le lacrime agli occhi. Ma è anche vero che L’Aquila è una città bellissima, che è stata pronta a ripartire nonostante la lentezza di un governo che solamente agli inizi ha voluto far credere di aiutarci. Dopotutto siamo forti e gentili no?

L’Aquila per me rientra tra le città più belle d’Abruzzo. La prima volta che la vidi fu agli inizi del 2000 in gita scolastica.  Troppo tempo quindi. Infatti è sempre rimasta nella mia lista dei posti da vedere in Abruzzo nei giorni che sono a casa. 

Ho sfruttato i giorni gialli di lockdown per ritornare a vederla. Una scelta che non sapevo se compiere o meno. Tutte le persone elogiano le bellezze che ci sono intorno a L’Aquila, ma non la città stessa, ed infatti mi dicevano di concentrarmi su altro perché dopo il sisma non c’era più nulla da vedere. Alla fine non li ascoltai e andai lo stesso. Una giornata spesa bene direi.

cosa vedere a l'aquila

Cosa vedere a L’Aquila dopo il sisma: le attrazioni che non muoiono mai

Tutte le persone che vengono in Abruzzo si chiedono se devono visitare L’Aquila: la mia risposta è si.

Tra le quattro province, è la città più storica e completa culturalmente parlando. E’ il fulcro centrale della zona della Marsica, presenta palazzi e chiese di diverse epoche. Venire a L’Aquila significa fare un tuffo nella storia, di cui adesso ahimé fa parte anche la vicenda del terremoto.

L’Aquila è bella da vedere perché è percorribile a passo d’uomo. Dalla stazione si arriva nelle stradine caratteristiche del centro storico. E poi ci sono le montagne intorno a fare da sfondo.

Ma cosa esattamente è possibile vedere a L’Aquila dopo il sisma? Ora vi elenco le attrazioni che ci sono ancora.

Basilica di Collemaggio

La più fotografata della città. Chi vede le pubblicità sull’Abruzzo si chieder sempre dove si trova la chiesa con la bella facciata abruzzese.

Costruita nel 1300, la basilica di Collemaggio è stata scena di molte vicende religiose, come ad esempio il primo giubileo. Oggi invece è uno dei principali luoghi di attrazione perché, oltre al suo fascino, è diventata la casa di papa Celestino V. Dopo la sua morte fu realizzato un mausoleo che viene custodito ancora oggi.

E’ stata restituita ai visitatori nel 2018.

cosa vedere a l'aquila, basilica di collemaggio

Chiesa di San Bernardino

Un’altra chiesa molto particolare da vedere nella città de L’Aquila è quella di San Bernardino che, come dice dal nome stesso, custodisce le spoglie di San Bernardino da Siena. Questa chiesa fu colpita non da uno, ma da ben due terremoti. Ma entrambe le volte ritornò a splendere.

E’ stata riaperta al pubblico nel 2015 dopo i lavori di restauro del campanile, la parte più colpita dal sisma.

La particolarità di questa chiesa è l’interno; il soffitto e di legno ed oro, un contrasto che conquista sempre i visitatori quando alzano gli occhi al cielo. Stessa cosa per l’organo posto sull’ingresso principale, che enfatizza lo stile settecentesco di entrambi.

cosa vedere a l'aquila, chiesa di san bernardino

Fontana delle 99 Cannelle

Sapevi che L’Aquila è la città del 99? Questa città nasce per volere dei Signori a dare vita ad una città che riunisse i 99 castelli.

Ecco così quindi che L’Aquila presenta 99 piazze, 99 chiese e 99 fontane. Di conseguenza 99 cannelle.

E’ sempre bello vedere qualche turista che si ferma a contare se sono davvero 99. Potrai contare anche tu.

Il terremoto del 2009 danneggiò la parete destra, però già dal 2010 era stata riparata, facendo ritornare la fontana ad essere la protagonista della città.

 

cosa vedere a l'aquila, fontana delle 99 cannelle

Fontana Luminosa

Cosa vedere a L’Aquila? Sicuramente la Fontana Luminosa!

Quest’ultima è stata costruita per allietare gli aquilani soprattutto nelle ore serali, quando si crea questo gioco di luci ed acqua. 

La struttura rappresenta due donne che sorreggono una conca, simbolo della tradizione abruzzese, e versano acqua nella vasca circolare sottostante.

La fontana fu spenta col sisma. E’ tornata ad illuminare la città solamente nel 2016, e ad essere il punto di ritrovo di tutti gli aquilani.

cosa vedere a l'aquila, fontana luminosa

Munda

Con il sisma del 2009 fu chiuso anche il Munda, il Museo Nazionale d’Abruzzo, che raccoglie sia reperti archeologici, sia collezioni medioevali e rinascimentali della realtà abruzzese.  Il Museo era all’interno della fortezza spagnola, oggi ancora inagibile.

E’ ora l’ex mattatoio de L’Aquila la nuova sede del Munda, riaperta al pubblico nel 2015. Fortunatamente molti reperti sono riusciti ad essere recuperati tra le macerie.

Come arrivare a L’Aquila

L’Aquila si trova nella parte interna de l’Abruzzo ed è molto vicina ad altre città importanti come Roma, Pescara e Napoli. E’ possibile raggiungerla sia in auto sia in treno. Adesso vi spiego come.

Come arrivare a L’Aquila da Roma

Per raggiungere L’Aquila da Roma bisogna prendere il collegamento autostradale A24. Impiegherai solamente un’ora e mezza per arrivare. Infatti tante persone da Roma o del Lazio in generale vengono a passare i fine settimana da noi.

Come arrivare a L’Aquila da Napoli e Firenze

Anche da Napoli e da Firenze, è necessario raggiungere con la A24 l’autostrada in prossimità di Roma e poi incanalarsi in direzione de L’Aquila.

Come arrivare a L’Aquila da Bari o Pescara

Se invece stai venendo da Est, puoi prendere a Pescara l’autostrada 25 per uscire a Bussi e prendere la Strada Statale per andare a L’Aquila. Ti consiglio l’uscita ad Ovest.

Dove parcheggiare per visitare L’Aquila

Dopo anni di chiusura a causa del terremoto, il parcheggio di Collemaggio è di nuovo riaperto ed ha la maggior parte di posti disponibili. In soli 10 minuti a piedi da lì riesci ad arrivare a piazza Duomo.

Se invece vuoi essere il più vicino possibile in centro, ti consiglio allora la Fontana Luminosa, anche se lì si fermano sempre tantissime macchine (per gli aquilani è il punto di ritrovo e inizio struscio pedonale) quindi dovrai avere molta fortuna per trovare posto.

Altri parcheggi simili ci sono anche al Forte Spagnolo e vicino alla Chiesa di San Bernardino.

Dove mangiare a L’Aquila

Dopo averti detto cosa vedere a L’Aquila e come arrivare, ti dico dove mangiare bene a L’Aquila bene e spendendo poco.

Intitolo questa parte dell’articolo così perché L’Aquila è piena di ristoranti e tantissimi si spacciano per locali. Ma tra questi quelli che veramente fanno il cibo buono è diverso.

Osteria La Grotta di Aligi

Si trova a due passi dalla Villa Comunale e propone alla clientela i piatti tipici della cucina abruzzese a prezzi modici. Il massimo che si spende a persona è tra i 20 e i 30 euro.

I piatti sono abbonanti e fatti tutti con ingredienti del posto.

 

dove mangiare a l'aquila, la grotta di aligi
repost di @thefork

La Casereccia da Noemi

Questa osteria si trova fuori dal centro cittadino (vicino al casello autostradale) e propone piatti tipici aquilani a prezzi economici (15-25 euro a testa), come il cardo in brodo o i cavatielli con la ricotta.

Arrosticini Divini

Questo ristorante si trova a due Passi dal Parco Castello e dal Forte Spagnolo ed è perfetto per chi vuole provare i famosi arrosticini abruzzesi (anche se gli autentici sono a Pescara).  Qui la spesa media oscilla tra i 15 e i 25 euro.

dove mangiare a l'aquila,arrosticini divin
repost da @tripadvisor

L’Aquila e dintorni: cosa vedere

Come accennavo all’inizio dell’articolo c’è un grande dibattito su questa zona abruzzese. Molti dicono di non visitare l’Aquila e di concentrarci solo sui dintorni, c’è chi invece fa entrambe.

Quindi se desideri fermarti più giorni a L’Aquila e ti starai chiedendo cosa vedere nei suoi dintorni, ti faccio un elenco di quelle che sono le più belle attrazioni che si trovano a pochi km dalla città.

Rocca Calascio

Rocca Calascio è l’attrazione più gettonata di tutta L’Abruzzo. Si tratta di un castello costruito sulla montagna (la rocca per l’appunto) e una volta che lo raggiungerai in cima, ti sembrerà di essere sospesa in aria.

Questo posto ha dato vita a film famosissimi come LadyHawke e il Nome della Rosa, e rientra, soprattutto grazie alla sua posizione, tra i 10 castelli più belli d’Italia.

cosa vedere a l'aquila e dintorni, rocca calascio

Santo Stefano di Sessanio

Anch’esso non poco lontano da L’Aquila e da Rocca Calascio, è un borgo che è stato recuperato e trasformato in albergo diffuso.

Te ne parlo nell’articolo in cui elenco le esperienze che si devono fare assolutamente in Abruzzo.  

Campo Imperatore o piccolo Tibet

Eh si perché anche noi in Abruzzo abbiamo il nostro Tibet. Campo Imperatore è un vasto altopiano di origine carsica, dal quale si può vedere il Gran Sasso.  Si può prendere la funivia e ammirarlo dall’alto, oppure percorrere le sue curve in auto.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Campo Imperatore, il Piccolo Tibet d’Abruzzo

Sulmona

Se non hai voglia di natura ma vuoi continuare a conoscere le città abruzzesi, allora ti consiglio di fare un giro a Sulmona. Anch’essa cittadina molto rinomata abruzzese, è bella da vedere perché mentre passeggerai avrai le montagne che ti faranno da sfondo. Ma soprattutto, potrai mangiare tanti confetti!

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sulmona, cosa vedere in giornata

Se hai trovato questo articolo utile, segnati l’Url del mio blog e torna a trovarmi! Ogni settimana troverai nuovi spunti di viaggio in Italia e all’estero www.laviaggiatricesolitaria.it .

Ti è piaciuto questo articolo? Salvalo su Pinterest!

Ti è piaciuto il mio articolo? Condividilo!
By Flavia Di Ciano

Ciao! E piacere di conoscerti! Io sono Flavia. Ho 30 anni ma non sembra. Incredibile ma vero! Lavoro e viaggio da sola per lunghi periodi. Se mi segui ti dirò com’è possibile.

Articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *