Blog

COME ORGANIZZARE IL TUO PRIMO VIAGGIO DA SOLA

Stai pensando da tempo di partire per il tuo primo viaggio da sola ma non sai da dove iniziare? Sono qui per aiutarti!

primo viaggio da sola

Viaggio da sola da quasi 5 anni ormai, e visitato quasi 30 paesi. Penso di aver capito (o almeno spero) come muovermi in solitaria.

Nel mio articolo precedente parlavo di come affrontare mentalmente il primo viaggio in solitaria (se te lo sei perso ti lascio il link qui); oggi invece volevo soffermarmi sull’aspetto pratico di questa scelta e darti dei consigli su come organizzare il tuo primo viaggio in solitaria.

Viaggio da sola da quasi 5 anni ormai, e visitato quasi 30 paesi. Penso di aver capito (o almeno spero) come muovermi in solitaria.

Nel mio articolo precedente parlavo di come affrontare mentalmente il primo viaggio in solitaria (se te lo sei perso ti lascio il link qui); oggi invece volevo soffermarmi sull’aspetto pratico di questa scelta e darti dei consigli su come organizzare il tuo primo viaggio in solitaria.

Primo viaggio da sola: dove andare

La scelta della destinazione per il primo viaggio in solitaria è molto importante. In base alle mie esperienze, viaggiare da soli diventa ancora più semplice se si sceglie un paese sicuro e con molti turisti.

Per questa ragione mi sento di consigliarti alcune capitali europee molto gettonate quali Amsterdam, Berlino, Budapest, oppure, nel caso decidessi di andare fuori Europa, il Sud est asiatico potrebbe essere un ottimo punto di partenza.

primo viaggio da sola, Berlino
viaggio in solitaria a Berlino, aprile 2017

Se l’inglese è un problema, potresti optare invece per un Paese dove la lingua è molto simile a quella italiana, come ad esempio la Spagna o il Portogallo.

Primo viaggio in solitaria: dove dormire

Consiglio sempre un ostello per una persona che ama viaggiare in solitaria ma non essere sola tutto il tempo. Che tu sia festaiola o che ami semplicemente muoverti in totale autonomia, gli ostelli sono un’ottima soluzione per prezzo, location (spesso sono in centro) e per le tantissime persone che si possono incontrare.

stanza di ostello mista

Per cercare l’ostello o l’hotel migliore (qualora non te la senti di andare nel primo), cerca innanzitutto le principali attrazioni della città che vorrai visitare. Poi in base a queste, scegli un alloggio che è nelle vicinanze. Questo per far si che sia più facile per te girare intorno ed esplorare.

Riguardo i siti specifici per fare ricerca mi sento di consigliarti:

Booking.com nel caso tu voglia alloggiare in albergo. Il sito mostra molto bene la mappa dove sono alloggiati i vari hotel, ma soprattutto ci sono tantissime offerte vantaggiose anche per chi vuole spendere poco. Raramente si paga in anticipo, e la cancellazione è quasi sempre gratuita!

Booking.com

Hostelworld.com è il portale per eccellenza degli ostelli. Qui è possibile trovare recensioni non solo in base al il prezzo e alla posizione, ma anche per altri criteri quali ad esempio il divertimento o i servizi inclusi nel soggiorno.

Airbnb.com non offre solo l’opzione appartamenti (che va per la maggiore) ,ma dà anche la possibilità di prenotare una stanza ad un prezzo più basso rispetto ad un bed & breakfast .

Infine se sei più avventurosa o se ti va di vivere il tuo viaggio con le persone del posto, ti consiglio di provare assolutamente Couchsurfing! Ne hai mai sentito parlare? In questo articolo te ne parlo meglio.

Come pianificare al meglio i posti da vedere

Se vuoi goderti a pieno il tuo viaggio in solitaria, devi sapere esattamente cosa fare! Per essere preparata al meglio amo confrontare guide turistiche, gruppi Facebook e blog per trovare quelle che possono rivelarsi delle esperienze uniche e non troppo turistiche.

Nello specifico ti consiglio di:

  • googlare “cosa fare in” o “esperienze da provare in” e scremare i vari blog. I travel bloggers sanno sempre cosa succede in quel determinato posto perché appunto l’hanno provato sulla loro pelle. In particolare se ami lo stile di viaggio di un/una travel blogger che segui, puoi provare a vedere se è stato nel posto dove andrai e cosa ha visitato, in modo da seguire le sue orme!
  1. vai nei posti Instagrammabili! Per trovarli, io uso sia il geotag di Instagram, cercando di capire dov’è, ma soprattutto per capire i posti dove le persone sono andate durante un viaggio. Facendolo di volta in volta con i vari geotag, posso arrivare a capire quali sono le zone che attraggono di più di una città.
  2. Un altro metodo che uso è Pinterest (a proposito, ho un profilo anche lì!) . Qui è più facile trovare articoli di bloggers scritti sui posti instagramabili di una determinata città.
primo viaggio da sola
posti instagrammabili di Parigi, profilo di Viaggiascrittori su Pinterest
  • Raggruppa tutto in Google Maps. Una volta che sai dove si trovano i posti che vorrai visitare, li potrai riunire tutti insieme in un elenco che andrai a salvare su Google Maps. Facendo così inoltre riesco a vedere anche quanto distano l’uno dall’altro, e quindi se è possibile percorrere la distanza a piedi o al contrario se è necessario prendere un mezzo di trasporto.
  • Non pianificare troppo. Quando organizzo un viaggio calcolo sempre un giorno in più perché so che possono capitare imprevisti (quali musei chiusi, maltempo) oppure per avere la possibilità di includere dei posti che inizialmente non avevo preso in considerazione.
primo viaggio da sola
viaggio in solitaria in Francoforte, febbraio 2019

Spero il mio articolo non solo ti abbia rassicurata sul fatto che organizzare un viaggio da sola è possibile, ma di averti dato qualche dritta su come farlo al meglio!

Se hai dubbi e /o perplessità, scrivimi nei commenti! Sarà un piacere per me risponderti. E se deciderai di provare questa bellissima esperienza, non mi resta che augurarti un grande in bocca al lupo!

Ti è piaciuto il mio articolo? Salvalo su Pinterest!

Ti è piaciuto il mio articolo? Condividilo!
By Flavia Di Ciano

Ciao! E piacere di conoscerti! Io sono Flavia. Ho 30 anni ma non sembra. Incredibile ma vero! Lavoro e viaggio da sola per lunghi periodi. Se mi segui ti dirò com’è possibile.

Articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *